Archivio per luglio, 2010

Nelle case di legno

Pubblicato: 7 luglio 2010 da massitutor in pensieri in libertà, sogni

Questa poesia  l'ho scritta tanti anni fa ero ancora a scuola e avrò avuto si e no 7 anni frequentavo la seconda elementare a Valbona dove eravamo inseriti anche noi ragazzi del patronato san Vincenzo di Sorisole, in un giorno che non avevo tanta voglia di scuola ed ero in un mio momento evasivo, la mia maestra si accorse e mi chiamò alla cattedra e me la fece leggere il giono dopo mi regalò una bellissima macchinina.

casa1

NELLE CASE DI LEGNO

Soffiavano i veti freddi di Siberia
mentre tutti erano nelle case di legno.

Nella prima casa un camino acceso
e due vecchi che guardano la televisione
criticando la nuova generazione.

Nella seconda casa un padre che sgrida la figlia
e gli dice "scavati da quell'uomo, quell'uomo non è per te"

Nella terza casa due giovani innamorati
che se la dicono lunga sul cosa si deve scrivere
in via del tema dell'amore,
poi quel che non si sa lo si scoprirà su un vocabolario
e saranno parole nuove, nuove e forse
tutte d'amore.

Nella quarta casa il solitario pensante
davanti al suo vino, che ha sposato da un pezzo
ogni bicchiere è una discussione, nella testa la sua confusione,
confusione ribelle, come ribelle diventerà la sua lucidità.

La quinta casa è la mia,
tra una pipa che fuma e la luna che vedo fuori dalla finestra,
ho poco e mangio la solita minestra,
mia moglie che amo davvero, è vicina
praticamente abbracciata al mio petto
mi tira un pelo per dispetto,
poi facciamo l'amore poi facciamo l'amore.

Soffiavano i venti  freddi di siberia,
mentre tutti erano nelle case di legno,
nelle case di legno, nelle case di legno.