Luna di miele

Pubblicato: 10 marzo 2008 da massitutor in la vita è un cantiere, viaggio

cruscottoLa vita è un cantiere.
Perchè la vita sarebbe un cantiere? Ce lo spiega Gianni (il Selvaggio) con la sua rubrica: Perchè ci vuole un progetto prima di iniziare a costruire; poi ci vuole tempo e pazienza in un cantiere, sia per costruire che per demolire. I materiali della vita sono le relazioni, gli aiuti, le strategie, le idee e tanto altro. E’ bello iniziare un progetto importante con un viaggio e il viaggio di nozze è qualcosa di speciale, se dura quattro mesi poi… ancora di più.

Tutto ha inizio un vererdì verso sera, sono appena rientrato dal lavoro che si era finito con due settimane di anticipo, vado in campagna dove c’è nel garage il nostro Transit, faccio un controllo totale (olio motore, acqua, pressione gomme) carico anche l’acqua nella cisterna per i vari servizi, uno sgardo in frigo e dispensa che mi risulta molto scarsa di viveri. Giro la chive e parto la prima tappa è un distributore di carburante, il pieno al volo e mi accingo verso la casa dei miei suoceri per recuperare mia moglie, arrivo sotto casa e faccio due fischi covenzionali con risposta affermativa da parte sua. Subito dopo scende la mia  belva (senza offesa) moglie carichiamo il suo zaino con isuoi vestiti, faccemmo una spesa al supermercato e via verso la Spagna. Guidai sino alla frontiera italo-francese perchè in quel periodo l’Italia non era ancora entrata nel M.E.c. Dopo una ventina di chilometri in Francia facemmo la prima sosta per cenare e riposare un po’. Alla mattina molto presto ci avviammo verso la frontiera franco-spagnola perchè la francia era carrissima con prezzi asurdi. Dopo una lunghissima salita arrivammo in sierra nevada ed ecco la Spagna, ma arrivati in frontiera una fila di auto e camper alla sbarra; ci vollero ben tre ore prima che toccasse a noi. Scendemmo verso sud ma passando vicino alla costa arrivammo a Siviglia: bellissima città con prezzi acessibili; trovammo una specie di campeggio quasi abusivo: pagavi al padrone del terreno e lui ti facceva sostare ad un prezzo bassisimo. C’era una fontana con acqua potabile, poco lontano c’era un negozietto con un pò di tutto, restammo in questo luogo un paio di settimane, dopo di che decidemmo di andare a Barcelona: altra bella città spagnola anche lì trovammo un posticino appena fuori dal centro e lì parcheggiammo il camper sempre da un contadino che faceva più soldi con i camper che con la coltivazione del terreno. Dopo qualche giorno iniziammo a girare per musei, chiese e piazze molto belle e alla sera giù in rambla dove ci sono discoteche una appoggiata all’altra, di tutti i generi di musica e devo aggiungere che davanti a questi locali ho trovato anche del "fumo" molto buono. Altra cosa che devo far notare è il pesce: specialmente i crostacei, mazzancolle, gamberoni, ancora mi vengono in mente le scorpacciate di gamberoni alla bracce bagnate con del vino bianco (che non ricordo il nome).

gianni a gibilterraPassarono tre settimane e lasciammo Barcelona per dirigersi verso lo stretto di Gilbiltrra, la costa dalla parte dell’oceano atlantico è stupenda anche le scorpaciate di pesce (king fish il pesce del rè) dal nome si capisce che è un pesce molto buono a devo farvi notare che c’è una razza di pesce tipo il nostro cefalo che si cattura con la canna dalla banchina di un canale di entrata di un porto con dei lombrichi che si trovano nel terrenno misto sabbia.
Questo è solo l’inizio di un viaggio che è durato ben 4 mesi: Finche non abbiamo finito i soldi. Altro che alpitur.

commenti
  1. anonimo ha detto:

    son certamente d’accordo con Gianni che la vita è un cantiere,dove ogni giorno metti su un mattone e puoi nel tempo vedere i risultati,ma questo racconto si riferisce a un periodo(gli anni ottanta presumo) dove certi viaggi se li potevano permettere un pò tutti,lavorando un pò di quà e un pò di là arraggiandosi come si può
    oggi le cose sono un pò diverse, forse i giovani si arrangiano bene,ma adesso chi viaggia
    con i camper o sopravvivono con banchetti artigianali, o vendendo cose illecite o sono i figli di papà altro che freakettoni come ai tempi di Gianni.Cmq ”la vita è un cantiere” non si può più dire,
    perchè in un cantiere ti aspetti che prima o poi i risultati di un lavoro sudato arrivano, mentre oggi vince la fortuna, e se ti guadagni qualcosa ti dicono che sei stato fortunato e fanno di tutto per levartela!
    PIetroSim

  2. anonimo ha detto:

    cos’altro può succedere?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...