Archivio per settembre, 2008

Il cambio della guardia

Pubblicato: 30 settembre 2008 da massitutor in assistenti sociali, assistenze e bisogni, civiltà, inchieste, politica

guardiatene

Notizia. Nei prossimi giorni cambieranno molte cose nel mondo del sociale a Bologna: è un punto del percorso di un processo di ristrutturazione dei Servizi sociali che parte dal Parlamento ed è stato recepito via via a livello locale. Ed ecco che veniamo a Bologna. Dunque va detto che la situazione è ancora un po’ tutta in fase di rodaggio, ma le cose si metteranno  più o meno così: il Comune manterrà un compito di progettazione e indirizzo politico dei servizi, che saranno gestiti però dalle 3 Asp (Aziende Pubbliche Servizi alla Persona) e cioè: Irides (accoglienza minori); Papa Giovanni XXIII (anziani oltre i 65 anni) e l’Opera Pia dei Poveri Vergognosi, che sarà impegnata nella gestione delle strutture e dei servizi per il nostro settore e cioè il disagio adulto, lotta all’esclusione e problemi correlati all’immigrazione.
Ma non finisce qui: altro fattore fondamentale di questo grande cambiamento è il decentramento dei servizi sociali nei Quartieri. A breve, infatti ognuno dei 9 Quartieri di Bologna avrà un suo sportello sociale di accoglienza e ascolto per le persone con dei bisogni su quel territorio e, vien da sé che il Servizio sociale adulti centralizzato andrà dissolvendosi.
Che dire? Intanto che questo è solo un accenno di un discorso complesso che speriamo di riuscire ad approfondire anche qui su Asfalto, anche grazie all’aiuto di persone che di queste cose ne macinano ogni giorno: mi riferisco dunque a responsabili, esperti, operatori, amministratori, politici e ovviamente anche utenti dei Servizi, che potranno portare qui il loro punto di vista su questo importante cambiamento. Purtroppo c’è stato troppo silenzio attorno a questo mutamento, da parte di tutti. Ormai è arrivato e dunque affrontiamolo. I cambiamenti fanno sempre paura e fanno nascere preoccupazioni di ogni tipo, per cui viene spontaneo gridare Alla catastrofe, ma valutiamo serenamente gli sviluppi di questo processo e procediamo senza paura verso una rappresentazione e magari un dibattito possibilmente costruttivo, fra di noi e insieme agli attori coinvolti.

Il mazzo di chiavi

Pubblicato: 26 settembre 2008 da massitutor in estate, morte, musica, radio asfalto, rielaborazione, tele asfalto

Un modo per salutare l’estate che se n’è andata. Un omaggio alle tragiche e desertiche domeniche cittadine. Questa è la seconda versione video della lettura de Il mazzo di chiavi: un racconto che ha unito Stefano Bici, Massimo Macchiavelli ed io. E’ stato un vero piacere e un’emozione autentica che spero sia contagiosa.

Passeggeri senza biglietto

Pubblicato: 25 settembre 2008 da massitutor in dormire, inchieste, rielaborazione

In tempi in cui si parla moltissimo di aerei, aereoporti, compagnie di bandiera, buchi di bilancio, cordate, presunti esuberi e presunti privilegi del personale volante, mi capita di leggere un articolo come questo: La storia dei clochard milanesi che popolano l’aereoporto di Linate. Un inchiesta ben fatta dal sito TG-Com (già!), con relativo video. Buon atterraggio.

linateIniziano ad arrivare all’aeroporto intorno alle 22, scendono dall’autobus che li ha portati fino a Linate e con la loro borsetta in spalla e la valigetta in mano entrano dentro lo scalo milanese e cominciano a girare per i corridoi. Danno un’occhiata all’orario delle partenze e poi si dirigono verso la zona del check-in. Qui si siedono su una panchina aspettando un aereo che non arriverà mai. Perché, quando l’aeroporto chiude, loro sono ancora lì e quando riapre, prima che arrivi la gente, si alzano e vanno via. E’ un rito che si ripete ogni giorno, ormai da più di un anno: loro sono i passeggeri che non volano mai, le loro valigie non saranno mai imbarcate, sono gli invisibili dell’aeroporto di Linate (GUARDA IL VIDEO).

Sono in tutto una decina, più uomini che donne, le persone che con un finto borsone tutte le notti scelgono come letto i seggiolini blu dello scalo di Milano. Sono soprattutto italiani e arrivano tra le 22 e mezzanotte con il 73, la linea che da piazza San Babila porta a Linate. Appena scesi dall’autobus prendono il carrello e iniziano a vagare per le corsie dell’aeroporto. Alcuni si accomodano con il loro finto trolley nelle sale d’attesa, altri leggono il giornale seduti nelle poltroncine vicino i monitor degli arrivi, e altri ancora decidono di salire al secondo piano. Qui, dopo un breve giro, vanno dritti al bagno, tirano fuori dalla loro borsetta un beauty, (con dentro spazzolino, dentifricio e un cambio) si tolgono la camicia e iniziano a sciacquarsi. Prima le mani, poi il viso e il petto e infine i denti. All’inizio non li riconosci subito, riescono a mimetizzarsi bene e confondersi tra i normali viaggiatori. Non portano abiti stracciati e soprattutto non chiedono l’elemosina. Però appena ti avvicini capisci che non sono dei normali passeggeri. Le loro scarpe sono consumate dall’asfalto, i loro vestiti sono sbiaditi e in viso portano la tristezza di chi vive per strada.

Si possono vedere ogni notte, sono sempre lì, sono sempre gli stessi, con addosso i vestiti di sempre. Magari cambiano letto, o meglio poltrona, c’è chi dorme vicino alle partenze, chi al secondo piano e chi vicino al check-in. “Non danno fastidio a nessuno”, ci dice una ragazza che lavora a Linate. “Stanno qui fino all’alba – spiega un inserviente – poi appena il 73 riprende la corsa la mattina presto lasciano l’aeroporto e vanno in centro”. Abbiamo cercato di avvicinarne qualcuno, di conoscere la loro storia, ma hanno preferito non rispondere. Luciano è uno di questi: milanese di mezza età, camicia bianca e sulle spalle un golfino blu, legge un giornale trovato per terra accomodato su una poltrona al secondo piano dello scalo. Cerchiamo di scambiare due chiacchiere, ma lui non ha molta voglia di parlare, “ho mal di denti”, dice. Qualche seggiolino più avanti c’è Maria, è sdraiata su una poltroncina e ha una brutta tosse. “Sto aspettando l’aereo per andare a Roma”, ma tre giorni dopo la ritroviamo nello stesso posto, con la stessa tosse. Nello scalo milanese la notte passa tranquilla, con gli addetti alle pulizie e gli altri viaggiatori che aspettano la partenza la mattina presto del loro volo. Mentre i clochard del Motel Linate, dopo aver passato la nottata sdraiati per terra con una borsetta per cuscino e una coperta che li ripara dal freddo e dalla fastidiosa luce al neon, vanno via senza lasciare traccia.

Ma Linate non è l’unico aeroporto dove si possono trovare i senzatetto. Esempi di questo tipo si possono trovare al Kennedy di New York, a Londra e anche a Roma. Qui i clochard sono poco meno di 10. “Girano per l’aeroporto tutto il giorno – ci racconta una commessa – c’è chi si riesce a mescolare con gli altri viaggiatori e chi invece si riconosce subito”. Il signor Guida è un dipendente di un bar: “Li vediamo passare ogni giorno, arrivano dalla stazione, vagano per lo scalo con la loro borsetta e con il carrello pieno di buste. Alcuni li individui, quando prendono da terra mozziconi di sigarette o quando ti chiedono di offrirgli un caffè. Lo fanno con discrezione e non chiedono mai l’elemosina. Sono tranquilli e non disturbano”. Gli homeless di Fiumicino si dividono in due gruppi: chi sta agli arrivi nazionali e chi gironzola al terminal C, ossia in quelli internazionali. “Una sera – racconta un addetto dello scalo romano – ho visto passeggiare un tizio con la maglia del Chelsea. L’ho rivisto il giorno dopo e ho pensato che avesse perso l’aereo. Poi però dopo una settimana era ancora lì e ho capito che non si trattava di un passeggero normale”.

M.Nuzzolo – P. Filippone – V. Pentangelo

GUS

Pubblicato: 23 settembre 2008 da massitutor in amicizia, colletta, musica
gus

“Maremma maiala” eccomi qua in codesto blog Io mi chiamo Augusto ma tutti mi chiamano “GUS”. E’ scritto GUS ma si legge GAS. Sono nato a Pisa sicchè son toscano e vivo a Bologna da 8 anni. Per me suonare è una necessità si conosce tanta gente, si comunica e si lascia sempre e comunque qualcosa di me. Tanta gente mi ascolta e mi lascia una moneta o un sorriso o un complimento, in tutti e tre i casi io son contento. Suono solo e soltanto musica per chitarra e voce e tra una cover e l’altra inserisco qualcuno dei miei 8 brani che ho composto negli ultimi 8 anni Se volete ascoltarmi dal vivo mi trovate ogni domenica in corte Isolani dalle 18.00 alle 20.00 “salvo imprevisti”.

Corsi di formAzione per operatori pari…deboli

Pubblicato: 19 settembre 2008 da massitutor in Uncategorized
corsi_2

OVEN TU: quella ragazza sola

Pubblicato: 19 settembre 2008 da massitutor in Uncategorized

Questo testo è rivolto agli anni 70 con un pensiero rivolto a Janis Joplin, Jimi Hendrix; una fiorente musica Cowntry; JAMES DIN e la musica di CARLOS SANTANA molto della bella musica che ho amato e avrete amato. Un testo nato nel mio pensiero rivolto alla musica che mi piace di più degli Stati uniti d’America.

Oven Oven Tu
sui miei passi
cerchi l’amore
e troverai
 
Oven Oven Tu
sei bella
e nel cielo
il sole risplende
 
Oven Oven Tu
il tuo volto
che riflette sull’acqua
e rispecchia l’amore

Oven Oven Tu
tra panorami e orizzonti
il mio amore scende
come il buio della notte
 
Oven Oven Tu
acqua che scorre
dentro il suo letto
lungo il cammino
verso il mare
 
Oven Oven Tu
na,na,na
na na na
Oven,Oven Tu
if love is
Oven Oven Tu
na na na na na na
if love is real

Angeli perduti di Los Angeles

Pubblicato: 17 settembre 2008 da massitutor in civiltà

il filmL’uscita di un documentario fatto da un famoso musicista rapper è l’occasione per tornare a parlare di Skid Row, il quartiere dei senzatetto di Los Angeles, proponendo un articolo di Marta Tripodi dal sito di Dispenser: l’ottima trasmissione serale di Radio Due.

Attorno alla metà degli anni ’90, un rivoluzionario gruppo hip hop conquistò la vetta delle classifiche di tutto il mondo (…). I Fugees, questo il nome della band, si sciolsero ben presto, ma i suoi componenti hanno continuato a fare musica con ottimi riscontri. Tutti eccetto uno: il rapper Pras, scomparso quasi immediatamente dalle scene. A distanza di un decennio, Pras torna a far parlare di sé; non come musicista, ma come protagonista di Skid Row, documentario di denuncia ispirato alla vita degli homeless americani.
Skid Row è un quartiere di Los Angeles, tristemente famoso per essere l’area con la maggiore concentrazione di senza tetto di tutti gli Stati Uniti. Si estende per un territorio di poche centinaia di metri quadrati, ma ospita oltre novantamila homeless, in maggioranza alcolizzati o tossicodipendenti; il dato è ancora più impressionante, se si pensa che la zona dista appena otto km da Beverly Hills. La tendopoli di Skid Row cresce ogni anno, attirando nuovi “abitanti” grazie al clima temperato e alla presenza di alcune mense per i poveri e di consultori medici.
Per girare il documentario, Pras si è armato di telecamera nascosta e ha trascorso nel quartiere dieci giorni consecutivi, fingendosi un homeless appena arrivato in città. Una troupe d’appoggio lo seguiva nei suoi spostamenti, ma senza fornirgli alcun aiuto: tutto ciò su cui il rapper poteva contare era una tenda da campeggio e un capitale di appena nove dollari. Cifra che è miseramente svanita la mattina del primo giorno, quando il nostro eroe, dopo aver sperimentato la cucina della mensa per i poveri, ha deciso di investire i suoi soldi in una colazione degna di questo nome.

Durante la sua permanenza, Pras si è immedesimato totalmente nel ruolo del senzatetto: si è mantenuto chiedendo l’elemosina, ha stretto amicizia con i propri vicini di tenda e ha frequentato i centri di supporto presenti nel quartiere. (…) L’avventura di Pras si è conclusa a causa di un furto, quello della sua tenda, che lo ha costretto a dormire all’aperto per alcune notti. Le testimonianze raccolte, però, restano impressionanti. Skid Row racconta una verità scomoda: che spesso, nel paese dell’abbondanza, la povertà è un peccato da nascondere sotto il tappeto.