Archivio per la categoria ‘laboratorio’

Andrej Lontano

Pubblicato: 1 febbraio 2010 da massitutor in amicizia, droga, laboratorio, morte, tutto cominciò così

Il nostro amico Andrej se n’è andato oggi. In questo giorno pieno di luce. In un giorno speciale perché palindromo: cioè si può leggere la data al contrario e viene fuori lo stesso numero. Questo sarebbe piaciuto ad Andrej, chi lo conosce sa che è vero. Questo fatto si ripeterà nel 2092: il giorno nel calendario sì… Andrej no.

I libri di Asfalto

Pubblicato: 20 gennaio 2010 da massitutor in cultura, laboratorio

Lettore barbaNasce su Asfalto una nuova rubrica, erede di quella "Piccola guida alla birra" che ebbi l’onore di curare fin dai miei primi passi sul nostro/vostro amato blog di strada.
Anche in questo caso sara un piacere occuparsene, dal momento che tratterà comunque di un’argomento che mi sta a cuore quanto la bionda bevanda, alla quale si accompagna decisamente bene.No, non stiamo parlando della pizza, ma della lettura, oltretutto nella più impegnativa delle sue forme: i libri.
Sicuramente i fumetti sarebbero stati più popolari e forse più semplici da trattare, ma proprio per questo si è deciso di provare con qualcosa che spesso ha poco a che fare con le abitudini quotidiane di chi frequenta Asfalto.Spesso, ma non sempre: dopotutto tra i nostri non abbiamo addirittura uno scrittore?
Dalla birra ai libri, quindi: quel che si dice un bel salto di qualità!
Partiremo da una cosa che forse non tutti sanno, o forse non a tutti interessa, ma bisogna sapere che nel nostro laboratorio informatico in via del Porto disponiamo di una piccola biblioteca,ampliata recentemente grazie alla generosità di vari donatori.
Sono un paio di scaffali belli pieni di volumi di vario tipo, per la maggior parte romanzi, ma si possono trovare anche dei numeri di Tex, il famoso cow-boy della Bonelli che tanto piaceva all’amatissimo ex-sindaco Cofferati(come si dice, chi s’assomiglia si piglia…).
Quindi, all’inizio si parlerà di libri facilmente accessibili grazie alla nostra "collezione", per poi allargare il discorso a titoli che potranno essere comunque reperiti con la stessa facilità nelle boblioteche pubbliche, come la Sala Borsa, o trovati semi-regalati nei mercatini(per non parlare dei cassonetti della raccolta differenziata-quelli blu della carta)
Ad inaugurare la rubrica non sarà la narrativa, ma un testo di storia, scritto da Giorgio Bocca, che si legge come un romanzo: racconta la sfortunata partecipazione dell’Italia alla Seconda Guerra Mondiale, senza reticenze ne falsi moralismi.
Affronta l’argomento in tutta la sua complessità, mettendo in evidenza la negligenza, definita "criminale", con la quale gli Alti Comandi intrapresero la guerra, aspettandosi una "passeggiata trionfale" a fianco, o meglio a rimorchio, dell’alleato tedesco, affrontata come un’avventura entusiasmante e rivelatasi poi una tragedia: per un’appassionato come me, una lettura interessante(ci sono ancora i segni delle sottolineature…) ma potrebbe piacere anche a chi non si interessa alla storia, intesa come noiosi elenchi di date e nomi, ma si lascia coinvolgere da una storia  ben raccontata.     

Anche questo è Laboratorio – Quarta parte

Pubblicato: 30 ottobre 2009 da massitutor in laboratorio, lavoro

Un PUNKABBESTIA che lavora… e per di più da muratore! Di fatica insomma. Un documento eccezionale che solo noi di Asfalto potevamo mostrare. A presto il video che documenta il bizzarro avvistamento.

Anche questo è Laboratorio – Parte Terza

Pubblicato: 29 ottobre 2009 da massitutor in asfalto fuoriporta, laboratorio

Una volta, Invitati dall’amico Mauro Sarti, siamo andati all’Università di Bologna a Scienze della Comunicazione per una lezione sull’etica del giornalismo.

Anche questo è Laboratorio – parte Seconda

Pubblicato: 28 ottobre 2009 da massitutor in laboratorio

Anche questo è Laboratorio – parte prima

Pubblicato: 28 ottobre 2009 da massitutor in laboratorio

matty

Una giornata nel laboratorio informatico di via del Porto, a Bologna. 8 ore nelle quali succede la stessa cosa, sempre diversa: persone si incontrano, si accolgono, si parla, qualche volta si ascolta, si guarda chi entra dalla porta sul retro, verso via Don Minzoni. Nel flusso di persone che attraversano la stanza si trova la via per creare qualcosa, fissare qualche idea e una bozza di progetto.
Si lavora, si gioca, si ascolta musica, ma soprattutto si sperimenta il lavoro. Un appiglio alla normalità.
Un luogo di vita.

Un ponte sula città

Pubblicato: 21 settembre 2009 da massitutor in assistenze e bisogni, laboratorio, lavoro, week end a scrocco

Cercare un dialogo con la città è il nostro pane. Sfondare le porte del pregiudizio è la nostra attività preferita. Per questo ospitiamo il comunicato della rassegna Porte Aperte e parteciperemo attivamente come blog Asfalto.

naufragi-2009

Le strutture di accoglienza si aprono all’arte e alla cittadinanza.

Bologna, dal 21 al 26 SETEMBRE

Con Porte Aperte, Naufragi-Festival delle fragilità metropolitane porta al centro i margini. Lo fa a Bologna, città in cerca della propria storia e della propria cultura intrise di accoglienza.
Porta alla ribalta, ribaltandoli, i pregiudizi verso la città rimossa: rappresentandola, mettendola a nudo, facendola vivere. Primo evento della nuova edizione, preview della nuova programmazione 2009-2010 che mette in scena possibili deviazioni dal e nel lavoro sociale, verso un approdo possibile, Porte Aperte riapre alla cittadinanza le strutture notturne e diurne che si occupano dell’accoglienza di donne e di uomini in difficoltà. Dormitori, centri diurni, residenze per immigrati diventano luoghi di incontro e cultura: lo sguardo e le parole degli "esclusi” trasformano l’immagine di queste terre di mezzo rimosse dal racconto della città pubblica. Il fuori che s’incontra con il dentro,
in un incontro inedito e s timolante tra un noi e un loro reciprocamente lontani, rimossi. Porte Aperte. Sei giorni insieme, per condividere gli spazi e rielaborare il senso della città. Le strutture di accoglienza, aperte, come occasione di sviluppo del territorio e della comunità.

Centro San Donato / Rifugio Notturno Dell a Solidarietà / Rst Irnerio/Casa Rivani / Centro Diurno / Casa Del Riposo Notturno M. Zaccarelli / Residenza Santa Francesca Cabrini / Drop-In / Centro Beltrame / Vag 61

Porte aperte è inserito nel programma della seconda edizione di Naufragi – festival delle fragilità metropolitane – dal titolo Casa e Lavoro.

Il programma di oggi

Centro San Donato – Via Quarto di Sopra 6/3 Autobus 93
Ore 19.00
la storia di Giorgio
reading musicale ispirato al Libro “Razza partigiana”, con interventi di Isabella e Antar e Wu Ming 2

Ore 20.00 Cena a Buffet

Ore 21.00
“Refugees All Stars” proizione del film documentario sulla storia di un gruppo di rifugiati dalla Sierra Leone in Guinea

Una giornata alternativa al mare per stare insieme e divertirsi. Sfuggire alla solita routine dello srare in srada e della  droga.

Pubblicato: 19 agosto 2009 da massitutor in laboratorio, operatori dispari, pensieri in libertà